I più celebri contemporanei di Pino Pascali

3dddd1378e26b04dad2aa36cc2c97d5bCome si è visto in altri approfondimenti pubblicati su questo stesso sito, il panorama artistico dell’epoca di Pino Pascali era piuttosto vivace. Gli artisti italiani erano non solo “affamati” di visibilità ma il contesto economico e sociale del dopoguerra lasciava loro molti spazi per sperimentare e contemporaneamente farsi conoscere.

Il movimento dell’Arte Povera ovviamente contribuì alla loro visibilità: molti di quei giovani sono ora fra i più quotati e valutati al mondo in termini economici, e spesso le loro opere sono nei patrimoni di molte di quelle stesse banche e multinazionali che per diversificare i loro investimenti acquistano non solo arte ma investono in siti destinati al gambling, come i casinò online.

Ecco alcuni importanti artisti della stessa epoca di Pino Pascali:

  • Jannis Kounellis

Greco formatosi come Pascali all’Accademia di Belle Arti di Roma, usa spesso animali vivi, impagliati o parti di essi nelle sue opere. Proprio a Roma una sua opera è visibile e ben presente anche a coloro che si trovino a passare davanti alla Basilica di Santa Croce in Gerusalemme: è la Porta dell’Orto Monastico.

  • Giulio Paolini

Caratteristiche le sue opere dove usa calchi in gesso di statue classiche come il David per provocare ed esprimere sarcasmo nei confronti della critica artistica. I suoi lavori sono ricchi di rimandi al mondo della mitologia, della letteratura e anche della cosmologia.

  • Michelangelo Pistoletto

Suoi sono gli specchi in parte occupati da figure dipinte a grandezza naturale, nei quali lo spettatore si riflette e al tempo stesso “dialoga” con i soggetti immortalati. In anni recenti è stato protagonista di una importantissima mostra al Louvre di Parigi.

  • Giuseppe Penone

Fra i più giovani appartenenti alla corrente dell’Arte Povera, è riconoscibile per i suoi lavori che usano come strutture i tronchi di alberi. Primariamente scultore, è l’artista italiano vivente le cui opere valgono di più al mondo (in un testa a testa continuo con il più giovane Maurizio Cattelan).